Top
algoritmo instagram

L’algoritmo di Instagram: cosa fa e come batterlo

Il tema degli algoritmi non è mai banale. Oggi gli algoritmi decidono praticamente ogni cosa e nel caso dei social network, decidono come dobbiamo interagire con le persone che li popolano. Così è per l’algoritmo di Facebook e così è per quello di Instagram che da quando è stato acquisito da Zuckerberg si è sviluppato sempre di più anche con esigenze di monetizzazione.

Ma chi vuole promuoversi su Instagram, cosa deve sapere del suo algoritmo?

Innanzitutto deve sapere che ci sono più algoritmi, ognuno dei quali deputato a diverse funzioni. Fatto questo possiamo parlare dell’algoritmo più interessante, cioè quello che determina la visibilità di un post su Instagram.

Bisogna innanzitutto dire che tra giugno e luglio 2016 c’è stato un importante cambiamento. Infatti Instagram ha sempre mostrato le foto in ordine cronologico, quindi era facile stabilire se e quando postare. Da Giugno 2016 il feed è cambiato (non senza lamentele, se andate a leggere i commenti del post appena linkato) riorganizzandosi in base a ciò che secondo il nuovo algoritmo le persone volevano vedere.

Il tema delle supposizioni degli algoritmi è abbastanza ampio.

Perché mai un algoritmo dovrebbe supporre ciò che voglio vedere in base a ciò che ho commentato o in base quanto un post è diventato virale? Perché oggi le logiche dei grandi social network impongono questa strada per facilitare la vita a grandi brand.

Se prima il contenuto di un grande brand (o di una persona che ha caricato una bella foto) spariva a causa del fattore tempo, oggi se questo contenuto ha molte interazioni, viene proposto all’utente che magari accede il giorno dopo la pubblicazione.

Ma il fattore tempo resta determinante, così come le interazioni e l’engagement, un po’ come succede su Facebook.

Quali sono i segnali che decidono la visibilità del mio post su Instagram?

Secondo molti analisti sono diversi, proviamo ad elencarli:

  • Con quanta regolarità si posta
  • Qual è il totale di immagini postate e di like ricevuti
  • Qual è il tasso di like delle immagini postate recentemente
  • Il post contiene un video
  • Se l’account rappresenta un brand o un profilo personale
  • Quanto chi posta è attivo sulla piattaforma con commenti e like
  • Quante relazioni si hanno su instagram (messaggi diretti etc)
  • Quanti hashtag ha l’immagine

Cosa devi fare allora per avere più visibilità e interazioni?

1) Crea contenuti di qualità (ovviamente)

La qualità premia sempre e dobbiamo fare tanta analisi e molto sforzo creativo per decidere cosa può piacere alla nostra utenza su Instagram e come possiamo stupirla. Questo è fondamentale.

Ecco alcuni esempi:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ovviamente sono post di grandi brand, ma come puoi notare nella maggior parte dei casi, sono creatività molto semplici. Aguzza l’ingegno!

2) Usa l’ecosistema dei tuoi social

Se non stai utilizzando solamente Instagram per promuoverti, vai sugli altri social network e invita i tuoi fan su Instagram, crea promozioni dedicate ed invitali a partecipare.

Fai di Instagram un punto di approdo nel quale gli utenti possano trovare contenuti unici. Cerca di ottenere velocemente reazioni sui tuoi post invitando quanti più utenti possibile dalle altre piattaforme.

3) Migliora o crea delle Call to Action

La call to action è designata a far compiere un’azione ai nostri utenti ma abbiamo bisogno di scatenare un’emozione, di coinvolgerli e di avere la loro fiducia affinché sia realizzi ciò che vogliamo. Dobbiamo preparare il terreno per la call to action con dei post coinvolgenti se vogliamo che questi condividano, comprino qualcosa o debbano iscriversi ad un corso.

Anche in questo caso l’ingegno, lo studio e la creatività, devono essere fondamentali perché praticamente tutti usano call to action e bisogna essere sempre un passo avanti.

4) Usa bene gli hashtag

Abbiamo già parlato degli hashtag su Instagram e di come usarli al meglio. Ricorda di usare quelli più pertinenti e quelli che sono più in voga in quel momento. Usa hashtag che ricordano la stagione, il momento, i colori. Insomma, non porre limiti alla fantasia.

5) Cerca influencer

Gli influencer non sono solo persone ultranote ma utenti che hanno fatto della loro passione un business. C’è chi viaggia molto e pubblica foto bellissime, c’è chi posta foto di creazioni fatte a mano, c’è chi inventa foto e video per il solo gusto di avere seguito.

Ricorda di usare Google

trovare influencer su instagram

Una volta messa a punto la tua strategia creativa, ricorda quali sono i punti salienti per avere la meglio sull’algoritmo di Instagram e comincia a postare e a creare interazione. Ne trarrai sicuramente beneficio!

Se hai usato qualche tecnica particolare per essere sempre al top su Instagram parlacene nei commenti 🙂

Nel 2009 crea Socialmediamarketing.it Appassionato di ambiente, captologia, politica e pubblicità sociale si laurea in comunicazione con tesi sullo User generated advertising. Si occupa di web marketing, seo e social media marketing.

Show Buttons
Hide Buttons