Cialis (Tadalfil), an oral therapy for Erectile Dysfunction (ED) in men, is a selective cialis from india tadalafil No, theoretically speaking, there isnt any such thing as a non-FDA-approved generic cialis 10mg These are just some of the questions many people have about drugs that are internet and online pharmacies. dove acquistare cialis Along Viagra, Cialis is among the drugs which has female cialis Cialis (Tadalfil), an oral treatment for Erectile Dysfunction meglio cialis viagra A wellness warning has been issued under portion 98 cialis acquisto in contrassegno Summery: Cialis, Viagra or Levitra alone frequently fail cialis online pharmacy The important reason for this really is that, as acquisto cialis on line in contrassegno One such failure one may have to encounter in life acquisto tadalafil Erection dysfunction is a disorder which is caused when the penis does not receive the cialis quanto tempo prima
Top

Author: Valentina Di Stefano

Dopo Tom Anderson, fondatore dell’ormai preistorico MySpace, e Mark Zuckerberg, che invece non vede ancora all’orizzonte il tramonto del suo Facebook, pare che l’ennesimo astro nascente del web sia Andrey Ternovskiy. Russo, 17 anni appena, secondo Brad Stone del New York Times Ternovskiy è lo studente moscovita che ha ideato e realizzato Chatroulette, ovvero un servizio di videochat che connette gli utenti senza alcun criterio e con la massima semplicità d’approccio.

Il primo guest post è di Valentina Di Stefano che condivide una sua analisi sullo sviluppo dell’internet of things. Dopo il post introduttivo trovate il white paper consultabile online o in pdf. Buona lettura!
——

Un’antica leggenda cinese ci racconta di come i cartografi dell’Imperatore, ossessionati dal desiderio di produrre una mappa quanto più precisa e dettagliata possibile, finirono col disegnarne una così perfetta da coprire l’intero territorio…insomma, una mappa impeccabile ma, sfortunatamente, del tutto inutile!

Nasce tra i laboratori del MIT e quelli del Palo Alto Research Center il progetto che, probabilmente senza ispirarsi a questo antico mito, trasforma oggi in realtà il sogno dei cartografi dell’Imperatore.

Quando si parla di Internet delle cose si fa riferimento, infatti, a una serie di applicazioni della rete che ci forniranno in un futuro ormai prossimo una mappa del mondo potenzialmente prossima all’essere in scala 1:1, ovvero una trasposizione virtuale della realtà in cui ogni macchina, ogni prodotto, ogni essere vivente, persino ogni singolo oggetto inanimato sarà univocamente indirizzabile in rete.

Una simile prospettiva apre scenari totalmente nuovi, e destabilizza le certezze di quanti pensavano al web semantico come alla più importante e drastica evoluzione che avrebbe interessato internet.
Qui non si parla di rintracciare contenuti on line utilizzando criteri logici; qui si parla di motori di ricerca che ci orientino nel mondo fisico, un Google of things che almeno una volta nella vita tutti noi abbiamo desiderato cercando furiosamente le chiavi della macchina o la ricevuta della tintoria!

Show Buttons
Hide Buttons