Top

Comprare Mi Piace sulla pagina Facebook, una semplificazione che fa male alle tasche.

Comprare Mi Piace sulla pagina Facebook, una semplificazione che fa male alle tasche.

Dopo aver semplificato la lettura delle metriche per le performance delle campagneFacebook ha (da pochi giorni) introdotto una via semplificata per ottenere più “Mi piace” sulla pagina. Ma dico subito che questa via mi sembra abbastanza tesa a frodare utenti e gestori di pagine più inesperti ed invito tutti gli esperti del settore a lanciare un allarme.

[ad#JOSE-AD2]

Una via semplificata, anche troppo.

promoted likes comprare mi piace su facebook

L’utente infatti è invitato direttamente sulla propria pagina ad ottenere altri “Mi piace” scegliendo un budget (quasi sempre con una somma posizionata ad un livello più alto rispetto a quella base) ed una destinazione che è esclusivamente geografica. Tutto questo comporta una possibile dispersione di budget (quasi certa) poiché non c’è possibilità di vincolare il messaggio ad un target specifico.

I “Mi piace” potenzialmente ottenuti saranno probabilmente disinteressati e, nel tempo, tenderanno ad ignorare la pagina o a fare addirittura dislike.

[ad#JOSE-AD2]

Prendiamo come esempio la pagina fan di Socialmediamarketing.it. Il settore a cui mi rivolgo è molto di nicchia, oserei dire una nicchia di una nicchia. E allora Facebook dovrebbe spiegarmelo ed invitarmi a targetizzare maggiormente gli ads. In questo modo invece non ho alcun controllo su chi vedrà la sponsorizzazione della mia pagina e potrebbero cliccare tutti o nessuno (in questo caso dovrei considerarmi fortunato).

impostare budget inserzione facebook mi piace

Ovviamente, per chi decide di avventurarsi in questa impresa, consigliamo di stendere una strategia fatta di contenuti per ingaggiare i nuovi fan ed evitare che questi, una volta arrivati sulla vostra pagina, siano vittime del vuoto.

Ma il consiglio più grande è sicuramente di evitare questo tool e di utilizzare quello un po’ più complesso ma sicuramente più efficace al quale si può arrivare tramite questo link. Anche perché, ad esempio, secondo alcune ricerche è possibile ottenere più clic con i post sponsorizzati.

In molti potrebbero obiettare che Facebook, essendo un’azienda, può fare come vuole. Certo. Ma spingersi troppo in là porta sicuramente la stessa Facebook a perdere di credibilità ed alla diminuzione di investimenti pubblicitari nel tempo.

Aggiungiamo inoltre che un utilizzo invasivo di Facebook Ads è controproducente per tutti. Infatti l’invasione della propria home da parte di post sponsorizzati sta generando sempre più fastidio e l’unica soluzione resta l’abbandono.

Ecco il video con cui Facebook promuove questa nuova feature.

Nel 2009 crea Socialmediamarketing.it Appassionato di ambiente, captologia, politica e pubblicità sociale si laurea in comunicazione con tesi sullo User generated advertising. Si occupa di web marketing, seo e social media marketing.

  • Bellissimo articolo, complimenti! Ma tristissimo vedere strategie di marketing condotte in questo modo…sembra il vecchio marketing che vuole resistere al nuovo.

  • Ottima riflessione, ma è evidente il tentativo di Facebook di monetizzare il più possibile.
    Certo forse non si rende conto che molte aziende lo utilizzeranno vedranno che non porterà risulterà e penserà che gli Ads di Facebook non sono uno strumento di marketing adeguato.

    E’ un po una strategia autolesionista, hanno lo stessa stratega del PD

    • Jose Gragnaniello

      Dall’entrata in borsa Facebook ha necessità di mostrare che monetizza e questo lo spinge a farlo in tutti i modi. È anche vero che sta creando una rete di assistenza che sembra migliorare mese dopo mese. Ma questa uscita può indurre veramente persone inesperte a sprecare denaro. Speriamo non faccia la fine del PD 😀

  • Le campagne su Facebook sono ottime per determinati settori (per esempio abbigliamento, calzature, gadget…), ma per la maggior parte degli altri settori hanno veramente poco senso. Per esempio, visti i risultati ottenuti per nostri clienti, le sconsiglierei per servizi professionali.

  • Lucio

    Ciao Jose,

    Grazie per l’articolo interessante. Anch’io penso che non sia granché utile comprarsi dei like più o meno autentici.

    Mi sono imbattuto in una guida gratuita per avere più like, disponibile qui: http://blog.wishpond.it/post/56312442608/wishpond-presenta-la-guida-per-avere-piu-like-su

    Devo dire che l’ho trovata molto interessante e stavo pensado di metterla in pratica. Tu o i lettori avreste qualche suggerimento in proposito?

Show Buttons
Hide Buttons