Bene fare del nostro meglio per fornire acquisto viagra cialis Le relazioni non sono insignificanti per persone, indipendentemente da ciò che accade. Un acquistare cialis Esercitare regolarmente: Lesercizio regolare può migliorare la qualità della tua vita in molti dove acquistare cialis Ci possono essere due diversi casi di problemi di impotenza. Forse non tutto il tempo, anche se cialis acquisto Viagra e il suo particolare modello generico contengono Revatio, gli effetti acquistare cialis originale La chirurgia vascolare è generalmente accettata come una cura disfunzione erettile. Questa operazione comporta lo cialis acquisto svizzera Di ciò che viene definito come allenamenti difficili o esercizi di pene, sto parlando. Ci sono un acquisto tadalafil No, in teoria, non esiste alcuna cosa come un farmaco generico non approvato cialis 10mg Sospetto la loro efficacia anche se ci sono molti supporti OTC che caratterizzano essere forti snoring acquisto cialis lilly Una Parola di Attenzione Qui ci concentriamo su una filosofia diversa. Vogliamo cialis buy
Top

Cosa possiamo imparare dalle abitudini di condivisione degli utenti?

Per una buona attività di social media marketing è fondamentale conoscere le abitudini degli utenti, soprattutto in Italia, dove la gran parte dell’utenza non ha ancora una grande attitudine alla condivisione.

Aol e Nielsen Online, nel report “Content is the fuel of the social web” hanno analizzato più di 10.000 messaggi per comprendere quali siano le tipologie di condivisione maggiormente in uso.

I social network, ovviamente, sono il primo strumento di condivisione con gli amici per il 92% dei rispondenti, mentre l’e-mail resta popolare tra chi condivide contenuti con la propria famiglia (86%) e con i colleghi (26%). Per quanto riguarda la condivisione di argomenti con un pubblico generico un 51% preferisce forum o gruppi di discussione ed un 41% preferisce i blog.


Inoltre, il 60% delle condivisioni proviene da contenuti pubblicati come le news o siti che si occupano di media, un 36% riguarda contenuti già embeddati che quindi ricircolano sui social network ed un 4% proviene da siti di brand o siti corporate.


I dati analizzati ci mostrano come siano in realtà le news il vero motore della condivisione, oppure quei link virali che molto spesso girano su Facebook. Al contrario c’è una scarsissima tendenza a condividere link provenienti da siti corporate.

Per aumentare il buzz attorno al proprio brand è  quindi fondamentale essere presenti con contenuti virali sulle piattaforme social (tanta comunicazione laterale), e fare pubblicità su siti di news nei quali si è individuato un potenziale target, il tutto mixato con una cura maniacale dei contatti online da parte del social media manager.

 

Nel 2009 crea Socialmediamarketing.it Appassionato di ambiente, captologia, politica e pubblicità sociale si laurea in comunicazione con tesi sullo User generated advertising. Si occupa di web marketing, seo e social media marketing.

1 Comment

Sorry, the comment form is closed at this time.

Show Buttons
Hide Buttons