Top
linkedin lavoro

Linkedin e lavoro: 4 consigli semplici per presentarsi al meglio

Linkedin è uno strumento che se utilizzato a dovere, può aprire nuovi fronti sia per quanto riguarda il mondo del lavoro sia per quello delle idee. È frequentato da molti  professionisti, ognuno dei quali ha storie da raccontare ed ha sicuramente necessità di mostrarsi e di promuoversi, questo è indubbio.

Quel che accade sulla piattaforma social dedicata al mondo del lavoro è (purtroppo) che molte volte si aggiungono contatti per fare numero o, peggio, per invaderli di messaggi spam (chi di voi non ha mai ricevuto un noiosissimo messaggio da un membro di Smalfiland?) 🙂

È così che ci troviamo a farci la domanda delle domande: Più contatti o contatti di qualità?

Per fare marketing su Linkedin, è ovvio, dobbiamo mantenere un giusto mix tra contatti selezionati e di qualità e contatti non propriamente affini alle nostre esigenze, ma che potrebbero tornarci utili nel lungo termine.

Se stai aggiungendo persone alla tua rete studia bene la loro storia lavorativa, valuta la posizione geografica (ci sono regioni dove si lavora di più in alcuni ambiti e meno in altri), valuta il numero di connessioni di questa persona e quanto è attiva/ricettiva su Linkedin. Invia sempre un messaggio di presentazione che non abbia il sapore di copia e incolla, fai capire al contatto che hai sentito parlare di lui e che magari lo segui su qualche blog.

Se qualcuno ti aggiunge su Linkedin dire di no è un vero peccato ma capita spesso che la sensazione sia fortissima. Infatti molti utenti aggiungono persone su Linkedin senza fare una minima presentazione di sé, senza specificare il motivo per cui ci hanno aggiunto, lasciando tutto in uno strano silenzio.

Cosa fare per capire se chi ci aggiunge su Linkedin può essere un contatto fruttuoso?

Semplice: scriviamogli, presentiamoci e chiediamogli cosa fa.

Ma come dobbiamo presentarci su Linkedin?

Riuscire ad avere successo e trovare lavoro su Linkedin è sicuramente necessario un buon CV ma non basta.

Vediamo quindi quali sono le basi per ottenere una buona visibilità:

1) Creare e Partecipare ai gruppi con domande e link suggeriti è importantissimo.

Seleziona quindi dei gruppi affini al tuo campo, oppure crea tu un gruppo e partecipa attivamente tenendo sempre in considerazione i post degli altri partecipanti.

Invia email al gruppo. Prova a dare l’idea di essere un’autorità nel tuo campo.

2) Tenere sempre aggiornato il proprio profilo è l’altra attività imprescindibile su Linkedin.

Aggiorna di tanto in tanto la tua foto, lo sfondo, le informazioni principali.

Cura in modo maniacale il testo della tua presentazione.

Aggiungi tutte le nuove esperienze che fai.

3) Caricare file multimediali!

caricare file multimediali su linkedin

Chi guarda il tuo profilo ha poco tempo a disposizione e cercherà quegli elementi che più attraggono la sua vista.

Se durante la tua carriera hai fatto presentazioni, speech, hai creato documenti interessanti, caricali e mostrali al tuo pubblico su Linkedin.

Crea per ognuno di loro una descrizione breve e chiara. Puoi farlo anche per ogni lavoro che hai svolto nella tua carriera, questo mostrerà alla persone che visitano il tuo profilo che lo stai curando e che sei una persona precisa.

4) Parlare con gli altri

Condividi status, pensieri idee.

Sii critico nei confronti di quello che non va e metti in evidenza tutto ciò che ti piace. Commenta eventi recentemente accaduti e stimola la conversazione.

Usa le mention per coinvolgere le persone nei tuoi status.

Come in tutte le realtà, è necessario farsi vedere e mettersi in mostra, ma facciamolo in modo genuino e professionale.

Nel 2009 crea Socialmediamarketing.it Appassionato di ambiente, captologia, politica e pubblicità sociale si laurea in comunicazione con tesi sullo User generated advertising. Si occupa di web marketing, seo e social media marketing.

Show Buttons
Hide Buttons