Top

Velocità, divertimento e creatività: le armi vincenti delle campagne unconventional di VolksWagen

funtheory

Velocità, divertimento e creatività: le armi vincenti delle campagne unconventional di VolksWagen

Molti brand, nel pensare una campagna di marketing, scelgono un fil rouge, un tratto distintivo, un’emozione da comunicare. VolksWagen ha scelto il divertimento. Da punti di vista e con accezioni diverse. Due sono le campagne guerrilla da cui ogni creativo che voglia definirsi tale deve prendere esempio, se vuol cimentarsi con la comunicazione unconventional. Mettetevi comodi e prendete i popcorn, perché sto per mostrarvele con l’ausilio di alcuni brevi filmati.

La prima si chiama “The fun theory“, risale al biennio 2009-2010, e si basa sul concetto di divertimento responsabile, ovvero rispettare le regole col sorriso.

Di seguito tre simpatiche azioni di ambient marketing, svoltesi a Stoccolma, che hanno caratterizzato la campagna del brand tedesco.

The World’s deepest bin.

Non sempre i rifiuti vengono gettati negli appositi cestini, per incuria, maleducazione o semplicemente pigrizia. Ma se fosse divertente farlo? Un sensore dentro un cestino per rifiuti in un parco, un effetto sonoro da cartone animato, e il gioco è fatto.

[vsw id=”cbEKAwCoCKw” source=”youtube” width=”575″ height=”494″ autoplay=”no”]

Piano Stairs.

Metropolitana Odenplan di Stoccolma. Si dice spesso che fare le scale è salutare, ma le persone in certe situazioni preferiscono la comodità delle scale mobili. Cosa fare per invogliarle a prendere le scale? Trasformare ogni gradino in un tasto di pianoforte, grazie a sensori di pressione che, se attivati, fanno partire il suono di una nota. Come improvvisarsi compositori salendo o scendendo da una scalinata.

[vsw id=”2lXh2n0aPyw” source=”youtube” width=”575″ height=”494″ autoplay=”no”]

The Speed Camera Lottery.

Come fare per invogliare le persone a rispettare i limiti di velocità? L’idea vincente – vincitrice del “Fun Theory Award” – l’ha avuta lo statunitense Kevin Richardson, che ha pensato a una “Speed lottery”. Un autovelox per fotografare la velocità di ciascuna macchina e un cartello luminoso poco più avanti per dichiarare se un guidatore ha vinto il premio in denaro di questa speciale lotteria – rimanendo sotto i 30 Km/h – o meno. Geniale, no? [vsw id=”iynzHWwJXaA” source=”youtube” width=”575″ height=”494″ autoplay=”no”]

La seconda campagna unconventional di VolksWagen è del 2011 e si chiama “The fast lane“, ed è – come recita l’headline – “Dedicated to everyone who enjoys speeding life up a little“. Velocità e divertimento, dunque, ma comunque con moderazione, che è sempre importante quando si parla di questi temi.

Anche qui tre esempi.

The elevator.

In ascensore notoriamente ci si annoia. Per rendere divertente un’esperienza ripetitiva come questa, basta arricchirla con qualche effetto sonoro e dei lampeggianti rossi, in modo da simulare un viaggio nello spazio a bordo di uno shuttle. [vsw id=”yPztb-c16as” source=”youtube” width=”575″ height=”494″ autoplay=”no”]

The slide.

La scala mobile vi tedia perchè troppo lenta? Uno scivolo rosso è la soluzione per chi non rinuncia alla velocità nemmeno per andare a prendere la metropolitana.

[vsw id=”W4o0ZVeixYU” source=”youtube” width=”575″ height=”494″ autoplay=”no”]

The shopping carts.

Alzi la mano chi non ha mai improvvisato una gara di velocità tra carrelli in un supermercato. Niente mani alzate, bene. Scommettete che se ci attaccate uno skateboard viene meglio? 😉

[vsw id=”jEcbkusXUlo” source=”youtube” width=”575″ height=”494″ autoplay=”no”]

 

Vi sono piaciute? Bene, ora non ci resta che aspettare la prossima campagna unconventional di VolksWagen.

E viste le precedenti, c’è da credere che sarà un successo.

Si specializza in Comunicazione d'Impresa alla Sapienza di Roma, con una tesi sulle Information and Communication Technologies nel CRM delle banche. E' appassionatissimo di Marketing non convenzionale, Social Media lover e fanatico di Hi-tech, tutti temi che tratta quotidianamente sul suo blog. Si cimenta anche nella fotografia e si dichiara follemente innamorato della sua città, Roma. Nel 2011 ha lavorato come Social Media Manager in FrozenFrogs, al momento è Community Manager in Dnsee.

  • Un post che mette il buon umore il lunedì mattina, splendido! 🙂

  • Soy: Jayson Sisk
    Mi edad: 18
    Radicado en: France
    Ciudad: Paris
    ZIP: 75008
    Direccion: 57 Place de la Madeleine

Show Buttons
Hide Buttons