Top
Buffer Vs Hootsuite: quale scegliere per gestire i social?

Buffer Vs Hootsuite: quale scegliere per gestire i social?

Questa è la sfida che coinvolge tutti gli esperti di social media marketing: Buffer Vs Hootsuite, qual è la migliore suite per sfruttare i vari canali sia aziendali che personali? Impossibile dare una risposta.

Soprattutto valida per tutti. Per alcuni è Hootsuite la soluzione ideale perché con questo strumento hai maggior controllo del monitoraggio legato a brand e hashtag, mentre altri preferiscono Buffer.

Vale a dire la suite definitiva per pianificare e gestire un calendario editoriale. Vuoi maggiori informazioni per decidere chi è il vincitore nella sfida storica che vede come protagonisti Buffer Vs Hootsuite?

Buffer, cos’è e a cosa serve

Prendiamo come riferimento questo primo tool. Per capire chi vincerà tra le due alternative è giusto conoscere le caratteristiche di entrambi, e Buffer ha tra i suoi punti di forza la capacità organizzativa.

Infatti, Buffer più che caratterizzarsi nel ruolo di piattaforma per fare social media marketing può essere intesa come content publishing platform. Vale a dire un supporto preciso e ben strutturato per far sì che le pubblicazioni sui vari canali combacino e si incrocino in modo preciso. Quali sono i vantaggi?

Da leggere: fare TikTok Marketing oggi

Interfaccia semplice e intuitiva

Buffer può gestire i canali social e a programmare post su tutto ciò che riguarda i social più usati: Instagram, Facebook (profili, pagine e gruppi), Twitter, Pinterest e LinkedIn (profili e pagine).

buffer vs hootsuite

Questo compito viene portato a termine con strumenti facili da utilizzare, anche quando si tratta di schedulare post per Instagram che da sempre rappresenta un punto delicato per chi lavora con i social.

Qui puoi gestire da un’unica dashboard la programmazione, la collaborazione con gli altri componenti del team e la produzione di stories. A tal proposito puoi dare uno sguardo al prossimo paragrafo.

Tool grafici e di analytics

Il lavoro di social media marketing con Buffer arricchito con uno strumento davvero utile come Pablo che consente di scrivere sulle foto che userai nei vari post sui social. Per le stories di Instagram e Facebook, invece, puoi usare un altro strumento gratuito che si trova su buffer.com/stories-creator.

Tra le altre funzioni essenziali di Buffer, e che possono aiutarti a decidere, possiamo prendere in considerazione la possibilità di misurare le prestazioni dei social media con gli analytics. Grazie a Buffer puoi creare report dettagliati, individuando le soluzioni per migliorare copertura e l’engagement.

Hootsuite, è il diretto competitor?

Su molti aspetti Hootsuite e Buffer sono sovrapponibili. Ad esempio entrambi i tool possono attivare il calendario social in modo da schedulare le pubblicazioni, uno short URL per gestire i permalink lunghi e l’aggregazione di feed rss in grado di automatizzare le pubblicazioni.Quindi, qual è la differenza?

Monitoring su Hootsuite

Uno dei grandi pregi di Hootsuite: gli strumenti che hai a disposizione per osservare ciò che succede sul social web. Questo strumento, infatti, viene menzionato dalle fonti più autorevoli come un vero e proprio monitoring tool. Che puoi usare sia per attività personali di branding che aziendali.

Grazie ai suoi filtri, infatti, puoi estrapolare parole chiave (tipo il tuo nome brand o quello dei competitor), account social, hashtag e liste Twitter. Senza dimenticare la possibilità di integrare altri tool come Talkwalker e Brandwatch per avere maggiori informazioni intorno al monitoraggio di brand e dei topic.

Collaborazione completa

Tra le motivazioni che dovrebbero spingerti a usare Hootsuite al posto di Buffer c’è la possibilità di organizzare al meglio il team nella gestione dei vari canali. Grazie a questo social media marketing tool, infatti, puoi:

  • Autorizzare o meno determinate azioni ai vari collaboratori.
  • Assegnare compiti per migliorare tempi ed efficienza.
  • Verificare se un post è pronto o meno alla pubblicazione.

Questo è uno dei problemi tipici della gestione social aziendale: tante persone lavorano ai progetti e si crea una congestione in termini di azioni. Risultato? Viene messo online un post non pronto o al quale manca l’approvazione, con relativi problemi. Con Hootsuite questo non avviene facilmente.

Da leggere: come aumentare la brand reputation con gli influencer

Buffer vs Hootsuite, quale scegliere

Se cerchi uno strumento pensato solo per pubblicare, programmare e analizzare i risultati puoi usare Buffer. Che resta la soluzione ideale se l’unica necessità è quella di schedulare e monitorare.

Se, invece, oltre alla pubblicazione dei post cerchi anche un metodo per monitorare hashtag e parole chiave (come ad esempio il tuo nome brand) devi puntare su Hootsuite che offre anche notevoli funzioni per la gestione del team, l’approvazione dei contenuti e la possibilità di integrarsi con altre app. Qual è secondo te la risposta ideale? Tu quale app usi per gestire i social network?

Ciao, sono un webwriter e un blogger freelance. Mi occupo di Social Media Marketing e di scrittura online, pubblico ogni giorno opinioni e consigli per aziende che vogliono migliorare la propria attività online.

Nessun commento

Inserisci un commento

Show Buttons
Hide Buttons