Top
Conversion Tracking: le principali differenze tra Google Analytics e Google ADS

Conversion Tracking: le principali differenze tra Google Analytics e Google ADS

Esistono tante differenze di tracciamento tra Google Analytics e Google ADS (ex AdWords) quando si tratta di conversion tracking. Ovvero il tracciamento delle conversioni che dobbiamo valutare nel momento in cui prendiamo in considerazione una delle fasi fondamentali del lavoro di web analytics.

Perché è chiaro che entrambe le soluzioni – Google Analytics e l’ex piattaforma di AdWords – consentono di operare alla cieca e ottenere comunque dei risultati. Risultati che puoi seguire e tracciare ma difficilmente utilizzare per definire un ROI utile alle valutazioni strategiche.

Capire se questa un’azione di web marketing funziona oppure no è compito del web strategist in accordo con le singole professionalità, ma alla base c’è una riflessione: capire le principali differenze di tracciamento tra Google Analytics e Google ADS per poter fare un lavoro di conversion tracking preciso.

Click e sessioni sono metriche diverse

Questa è una delle differenze di tracciamento tra Google Analytics e Google ADS più importanti per avere una reportistica precisa: ADS prende in esame i click, Analytics invece monitora le sessioni.

Se un potenziale cliente vede il tuo annuncio, e lo clicca due volte nell’arco di 30 minuti senza chiudere il browser, è una sessione per Google Analytics. Per la piattaforma ADS, invece, sono due click. Tutto questo si ripercuote anche sui passaggi successivi.

Da leggere: le metriche importanti di Google ADS

Differenza nel conteggio delle conversioni

Un bel problema: Google ADS può valutare più obiettivi di pagina per sessione utente che arriva grazie alla sponsorizzata, mentre Google Analytics no. Se non si valuta bene questo aspetto e si incrociano i dati in modo sensato, pratico e onesto si rischia di ignorare aspetti fondamentali della campagna.

Modelli di attribuzione dell’obiettivo

Quali sono le discrepanze rispetto a come viene definito un obiettivo di conversione? Questa è una differenza di tracciamento tra Google Analytics e Google ADS da valutare con attenzione. Un utente visita la tua pagina tramite sponsorizzata e non fa alcuna azione, per poi tornare il giorno dopo grazie a ricerca organica e raggiunge la conversione: cosa accade? Semplice, dipende dai diversi modelli di attribuzione.

La prima piattaforma (vale a dire Google Analytics) attribuirà l’obiettivo o la transazione al circuito organico e al click effettuato dopo la ricerca. Google Ads, invece, dà i meriti alla campagna advertising.

Orari, giorni e tempi delle conversioni

In tutto ciò non bisogna dimenticare una discrepanza piuttosto comune e superficiale in termini tecnici, quasi un vezzo che però può portare confusione agli utenti poco attenti: i dati delle conversioni si aggiornano meno rapidamente su Google Analytics. Ci possono essere alcune ore di delay tra le due realtà. Sempre dal punto di vista della praticità ricordiamo che le conversioni vengono registrate e mostrate giornalmente su Google Analytics e con orario preciso su Google ADS.

Click validi e non validi tra le piattaforme

Google ADS deve tutelare l’utente che investe da una falsificazione chiara e importante per l’investimento: i falsi click. Quindi, come suggerisce anche la guida ufficiale, questa realtà filtra i click non validi dal rapporto in modo da pulirlo da eventuali interferenze.

Google Analytics, invece, mostra tutti i dati collezionati dall’attività utente. Questo avviene perché la soluzione che usi per la promozione a pagamento filtra automaticamente determinati click dai rapporti, in modo da non mostrare quelle che tendenzialmente si presentano come operazioni casuali di utenti che cliccano più volte un annuncio.

Sia per distrazione che per aumentare i costi dell’inserzionista. Ovviamente queste interazioni non vengono né conteggiate, né addebitate. Per Google Analytics, però, questa evidenza non conta.

Conversioni relative alle telefonate

Questo è un passaggio che devi valutare con attenzione per non perdere importanti criteri di valutazione. Alcune azioni di conversione sono prese in considerazione solo nel monitoraggio di Google ADS e non sono disponibili nel conversion tracking di Analytics.

Questo vale, ad esempio, con le conversioni relative alle telefonate: nel primo caso hai un conteggio che vale come conversione di chiamata. Al momento questo non è possibile con gli obiettivi di Google Analytics.

Da leggere: perché essere primi su Google è importante

Una riflessione sulle differenze di tracking

Chiaramente per chi non ha massima competenza nel settore del data analytics può trovare difficile individuare le differenze di tracciamento tra Google Analytics e Google ADS. Vale a dire, rispettivamente:

  • Tool di monitoraggio dati.
  • Strumento di promozione.

GA è una delle principali piattaforme di analisi, Google ADS e l’ex piattaforma di AdWords che consente di creare delle inserzioni sponsorizzate. Sia nella pagina dei risultati (serp) e nella rete display dei siti web iscritti ad AdSense per monetizzare. Eppure tutto ciò è indispensabile per avere dati chiari e gestire al meglio le sponsorizzate. Se hai bisogno di ottimizzare le tue campagne AdWords puoi chiedere una consulenza gestita da esperti del settore in modo da ottenere il massimo dal tuo investimento.

Ciao, sono un webwriter e un blogger freelance. Mi occupo di Social Media Marketing e di scrittura online, pubblico ogni giorno opinioni e consigli per aziende che vogliono migliorare la propria attività online.

Nessun commento

Inserisci un commento

Apri la chat
1
Salve. Scrivici se hai bisogno di un preventivo o di formazione e ti risponderemo a breve.
Non forniamo assistenza gratuita per problemi relativi ad hackeraggio social e simili.