Top

Facebook e Instagram contro il Coronavirus – Le Iniziative In Corso (che forse ti sei perso)

Ciao Marketers! 

In questi giorni di quarantena, molti di noi ne stanno approfittando per studiare, leggere e imparare nuove skill da applicare nei progetti in cui lavoriamo, proprio per questo, forse vi siete persi due novità che Facebook e Instagram hanno rilasciato proprio in questi giorni.

Mentre il mondo vede la diffusione del virus in costante crescita, i Social Network mettono in moto macchine finanziarie importanti per arginare – per quanto possibile – il contagio.

Vediamole nell’articolo di oggi…iniziamo da Instagram 😉

Sticker Iorestoacasa Instagram

Instagram lancia ufficialmente lo sticker ‘Iorestoacasa’ Sticker per promuovere e incoraggiare la “Social Distancing”

La questione Sticker è sempre stata discussa: come elemento delle Instagram Stories, sono effettivamente utilizzate? In quanti ne usufruiscono? Ma sopratutto, vengono apprezzate dai miliardi di utenti sparsi per il globo?

Instagram sembra non curarsi tanto di queste domande e continua il rilascio di nuovi elementi di questo tipo, il che ci fa pensare che siano in qualche modo apprezzati dai propri utenti.

In questi giorni Instagram ha ufficialmente lanciato il nuovo sticker “iosrestoacasa”, costruito per promuovere la cosiddetta “distanza sociale” e rinnovare l’invito agli utenti di rimanere al sicuro all’interno delle proprie case.

instagram sticker iorestoacasa

Instagram commenta in merito:

“Oggi stiamo lanciando il nuovo sticker “ioresteacasa” che potrai trovare nelle stories. Quando lo userai, le tue foto saranno aggiunte ad una storia condivisa dove tutte le persone potranno vedere che sei a casa e stai bene”

Come potete vedere dall’immagine qui sotto, oltre lo Sticker, Instagram sembra aver lanciato una nuova storia “condensata”, che raggruppa al suo interno tutti i contenuti “iorestoacasa” prodotti dalla Community.

Questa iniziativa punterebbe non solo al rilascio di nuove funzionalità “Anti-Coronavirus”, ma anche all’aumento di quel senso di coesione e unione ottenibile oggi unicamente attraverso i social network.

Attività di questo tipo ci fanno riflettere anche sulla situazione che, in diversi stati del mondo, non sembra essere accolta con la giusta importanza: migliaia di persone riversate ancora nelle strade, che conducono una vita normale non curanti dei recenti tragici avvenimenti internazionali (purtroppo, come sappiamo, anche in Italia abbiamo casistiche simili).

Ed ecco qui che anche i Social Network scendono in campo come portabandiera di un movimento non ancora sposato da tutti. Questa piccola iniziativa di Instagram e quella di Facebook (che vedremo nelle prossime righe) ci fanno capire come la situazione sia più seria di quanto immaginiamo.

È interessante notare una cosa: i recenti roll out di queste funzioni non sono le uniche azioni che Instagram ha implementato a favore di questioni socialmente rilevanti:

lo scorso Ottobre la piattaforma rilasciò lo sticker “Create – don’t hate”, realizzato per sostenere la battaglia al cyberbullismo e – poco prima dello sticker “Stay home” – ne fu rilasciato un altro con l’obiettivo di ringraziare tutti gli operatori sanitari, medici e infermieri che in questo momento di crisi ce la stanno mettendo tutta per salvare vite umane. (Trovate l’immagine qui sotto)

Provate ora il nuovo sticker, aprite l’app e nella sezione adesivi delle stories cercate “Stay Home”, postatelo nella vostra storia e contribuite all’abbraccio virtuale che Instagram sta lanciando al mondo intero.

Gli aiuti di Facebook per le imprese

Il Coronavirus mette in ginocchio le piccole imprese, Facebook stanzia 100 Milioni di dollari per aiutarle nella ripresa.

Mentre le notizie di un vaccino sembrano ancora lontane, il virus continua il suo cammino all’interno del continente europeo, causando – oltre la morte di migliaia di persone – anche l’inevitabile chiusura di milioni di attività in tutto il mondo.

Uno dei problemi più grandi causati da questa pandemia è proprio di tipo economico / finanziario, come faremo a riprenderci da questo stop? Come uscirà l’Italia e il Mondo da questa situazione?

Una cosa è sicura, ci vorranno fondi per ripartire e raggiungere lo stato di “salute finanziaria” di cui godevano le piccole imprese prima del contagio.

Nel corso degli ultimi dieci anni milioni di PMI hanno trovato in Facebook un potente alleato pubblicitario per incrementare le proprie entrate e far crescere la notorietà del proprio brand, Facebook lo sa bene, per questo ha deciso di stanziare 100 Milioni di dollari per aiutare oltre 30.000 piccole e medie imprese in 30 nazioni diverse.

Ha commentato nelle ultime ore il COO di Facebook, Sheryl Sandberg:

“Small businesses are the heartbeat of our communities, and many of the people who run these businesses are heavily affected by the crisis – especially as more and more people sensibly stay home. The longer the crisis goes on, the greater the risk to small businesses and to the livelihoods of their owners and employees. That’s why today I’m announcing that Facebook is investing $100 million to help 30,000 small businesses in over 30 countries where our employees live and work.”

Questo stanziamento di fondi è concreto e reale, potete trovare il sito ufficiale dedicato all’iniziativa QUI

“Come posso inoltrare la mia richiesta e beneficiare di questo programma?”

Nonostante il sito parli chiaro sulla bontà dell’iniziativa, non ci sono ancora notizie riguardo un modulo di richiesta: dal sito infatti, tutto quello che otteniamo è un pop up dove inserire la nostra email per “rimanere aggiornati”. (Immagine sotto)

Ora come ora, quindi, per le PMI non resta che registrarsi al programma e attendere notizie direttamente da Facebook all’interno delle proprie caselle email. La nostra sensazione è positiva, ma ci viene da dire che – una volta creato e annunciato un programma simile – Facebook non dovrebbe tardare troppo a rilasciare aggiornamenti riguardo la questione: ogni giorno che passa la situazione diventa sempre più critica.

Le altre novità

Questo stanziamento di 100 Milioni di dollari non è l’unica attività che Facebook ha programmato per aiutare la ripresa delle PMI.

Queste sono tutte le attività ha già lanciato o in procinto di lanciare:

  • Lancio di un nuovo Business Resource Hub, che ha l’obiettivo di fornire supporto a tutte le PMI colpite dalla pandemia attraverso strumenti e consulti.
  • Sono iniziati i lavori per un nuovo “Virtual Training Program” che secondo Facebook aiuterà tutte quelle imprese che sono a lavoro in condizioni particolari causate dal virus.
  • Facebook sta creando nuove guide Blueprint con l’obiettivo di aiutare le imprese a migliorare lo smart working e la gestione del team da remoto.
  • Il Facebook Journalism Project sta stringendo una partnership con la Local Media Association americana, per sostenere con 1 Milione di dollari le testate giornalistiche locali che sono a lavoro per garantire aggiornamenti quotidiani legati alla pandemia.

Se pensiamo ai 71 miliardi di fatturato che Facebook ha prodotto solo nel 2019 è facile capire come questi 100 Milioni non siano una cifra assurda. Al tempo stesso è apprezzabile vedere come questi colossi si stiano muovendo per dare una mano, sia a livello finanziario, che emotivo, all’intera popolazione.

E tu, cosa pensi che potrebbe fare Facebook – e il mondo dei Social in generale – per aiutare le imprese a riprendersi più velocemente?

Faccelo sapere nei commenti qui sotto

Noi di SocialMediaMarketing intanto, #restiamoacasa

See ya!

Growth Marketer, Musicista, Nerd appassionato di Tech, Psicologia e Bassotti. 17 anni fa ho scoperto Internet e sto cercando ancora di riprendermi.

Nessun commento

Inserisci un commento

Show Buttons
Hide Buttons