Top





Schedulare la scomparsa dei post dal News Feed, Targeting, Insight e altre novità da Facebook!

Facebook sta forse cominciando a capire il problema che affligge chi gestisce le pagine, ovvero: non tutti i post possono essere sponsorizzati con soldi del cliente per raggiungere una minima visibilità.

Per questo motivo, credo, ha introdotto nuovi metodi di pubblicazione ed una targetizzazione avanzata anche per chi non sponsorizza il post ma vuole mostrarlo solamente ad una parte della propria fan base, con determinati interessi.

Mettiamo che nella vostra pagina di moda ci siano persone più interessate a brand come Versace e simili o a occhiali da sole, beh potrete scegliere di indirizzare i vostri post solamente a questa tipologia di utenti. Non male (ammesso che generi qualche view).

Ma andiamo per gradi.

Inserire una data di scadenza ai propri post

Dopo aver dato la possibilità di retrodatare un post, ora sarà possibile specificare una data ed un’ora precisa in cui si vorrà nascondere un post dal news feed dei vostri fan in modo automatico.

Questa funzionalità può essere utile in caso di campagne in cui occorre fare molti post (politica, contest, promozioni particolari), e può essere utilissima per “passare la scopa dopo aver fatto festa, in modo veloce”.

I vostri fan vi ringrazieranno perché avranno un news feed più pulito ed avranno meno occasioni per fare dislike 🙂

La funzione per ora è disponibile per tutte quelle pagine che hanno abilitate le funzioni di Targeting e Privacy e funziona solamente su desktop.

selezione voce amministrazione pagina facebook

inserire data di scadenza a post su facebook

Targeting dei propri fan sui singoli post

Come dicevo sopra, sarà possibile scegliere a chi mostrare i propri post, senza il bisogno di sponsorizzarli e con i limiti che questo comporta, cioè una potenziale bassissima visibilità. Questa funzione, secondo me, è stata studiata proprio per questo motivo: targetizzando parte della fan base, Facebook potrebbe offrire più visibilità ai nostri post, anzi, dovrebbe!

Non resta che provarla…

Anche questa funzione è attiva solo lato desktop per le pagine che hanno abilitate le funzioni di Targeting e Privacy.

tergetizzare i propri fan sui singoli post

Smart Publishing

Sempre nella logica di mostrare agli utenti ciò che (presumibilmente) interessa di più, questa nuova funzione consente di identificare e pubblicare storie che sono già popolari su Facebook.

Da quel che Facebook sostiene, si capisce che, una volta abilitata questa funzione, i link verso il tuo sito che sono più popolari su Facebook, potranno apparire nel news feed dei tuoi fan. Questi post non saranno presenti sulla pagina ma, tramite gli insight, sarà possibile avere una dashboard di controllo e analisi per moderare i commenti e scegliere cosa pubblicare sulla pagina.

La funzione, per ora, è attiva solamente per grandi pagine di testate giornaliste e media generici e Facebook spera di attivarla per tutti nei prossimi mesi. Gli admin potranno selezionarla tramite la voce Smart Publishing nelle impostazioni della pagina.

 

Insight più accurati

Per chi è abituato ad Analytics, gli Insight di Facebook hanno sempre dato magre soddisfazioni. Le voci spesso sono poco comprensibili e non si riesce mai a fare un’analisi dettagliata che spieghi i perché di certi accadimenti.

Per questo è ben accetta qualsiasi modifica che riesca a rendere gli Insight ancora più accurati. In questo caso la modifica riguarda gli insight di dominio che mostrano quali pagine e social app e plugin portano traffico al sito.

L’aggiunta riguarda nuovi livelli di URL che mostrano quando altre pagine e utenti condividono un tuo post su Facebook. Ad esempio se una pagina molto importante condivide una tua URL e crea molto engagement potrai sapere perché c’è stato un boom riguardo a quella determinata URL. Inoltre l’interfaccia è stata resa più intuitiva e fornisce la possibilità di segmentare dati per periodi temporali specifici, incluse le ore.

nuovi insight di dominio

Insomma, Facebook è sempre più una piattaforma pubblicitaria e sempre meno un social network. Speriamo che almeno i dati forniti e i risultati siano degni dei soldi che ogni giorno spendiamo.

Commenta qui!

Nel 2009 crea Socialmediamarketing.it Appassionato di ambiente, captologia, politica e pubblicità sociale si laurea in comunicazione con tesi sullo User generated advertising. Si occupa di web marketing, seo e social media marketing.

Nessun Commento

Commenta qui

Show Buttons
Hide Buttons