Top
The Social Dilemma: un campanello d'allarme per un mondo fatto di dopamina?

The Social Dilemma: un campanello d’allarme per un mondo fatto di dopamina?

Il nuovo docudrama di Netflix è un tentativo coraggioso, anche se imperfetto, di affrontare la nostra compiacenza nei confronti del capitalismo e della sorveglianza che deriva dal mondo dei social. 

the social dilemma netwflix

Immaginiamoci di andare avanti di un paio di secoli. Un piccolo gruppo di sociologi sopravvissuti alla catastrofe climatica sta esaminando i documenti e documentari di quella che attualmente chiamiamo  la nostra civiltà e si imbattono in un paio di vecchi film. 

Dopo essere riusciti a trovare un dispositivo su cui poterli vedere, si rendono conto che questi due film potrebbero fornire uno spaccato di un grande enigma: come e perché le società prospere e apparentemente pacifiche dell’inizio del 21 ° secolo sono implose?

La differenza tra The Social Network e The Social Dilemma

I due film sono The Social Network, che racconta la storia di come Mark Zuckerberg, un ex studente che non ha terminato gli studi ad Harvard, abbia creato un’azienda potente e altamente redditizia; e The Social Dilemma, che riguarda il modo in cui il business model di questa azienda si è rivelata una minaccia esistenziale per la democrazia di cui godevano gli esseri umani del 21 ° secolo.

Entrambi i film sono istruttivi e divertenti, ma il secondo (che ricordiamo essere appena uscito su Netflix) lascia a desiderare di più. Il suo obiettivo è ammirevolmente ambizioso: fornire un resoconto grafico convincente di ciò che il business model di una manciata di aziende stia combinando a noi e alla nostra società. 

L’intenzione del regista, Jeff Orlowski, è chiara fin dall’inizio: riutilizzare la strategia adottata nei suoi due precedenti documentari sui cambiamenti climatici – ben riassunta da un critico come “portare una nuova visione avvincente a un argomento familiare e allo stesso tempo spaventare da morire”.

 Jeff Orlowski

E affascinante osservare come un regista di talento riesca a svolgere il compito di suscitare l’interesse del pubblico su ciò che sta succedendo nella tecnologia. 

Orlowski adotta un approccio a due binari. Nella prima, riunisce una squadra di ingegneri e dirigenti – persone che hanno costruito le macchine per la dipendenza che sono i social media, ma che ora si sono pentite – per parlare apertamente dei loro sensi di colpa per i danni che inavvertitamente hanno inflitto alla società, e spiegare alcuni dei dettagli delle loro perversioni algoritmiche.

Cosa dobbiamo pensare di The Social Dilemma?

Il film è ridicolo? I segmenti drammatizzati includono un trio immaginario di sociopatici che lavorano all’interno di un social network senza nome per progettare notifiche push su misura per distrarre i propri utenti. Mostrano una famiglia angosciata che lotta per convincere i bambini a mettere via i telefoni durante la cena. E l’inquietante partitura per pianoforte che pervade ogni scena, invece di aumentare la tensione, dà a tutto un senso di stranezza. 

Lo è, ma Orlowski accoglie questi “pentiti” a braccia aperte perché si adattano al suo scopo – che è spiegare agli spettatori le cose terribili che le società capitaliste di sorveglianza come Facebook e Google fanno ai loro utenti. E il problema con questo è che quando arriva al punto in cui abbiamo bisogno di idee su come riparare quel danno, i ragazzi si rivelano un po ‘- come dire – incoerenti.

Questo è il modo di Orlowski di persuadere gli spettatori non esperti di tecnologia che il materiale documentario non è solo reale, ma sta infliggendo danni tangibili ai loro adolescenti. È un modo per dire: fai attenzione: questa roba è davvero importante e pericolosa!

E funziona, fino a un certo punto. Il filone immaginario è necessario perché la più grande difficoltà che devono affrontare i critici di un’industria che tratta gli utenti come topi da laboratorio è quella di spiegare ai topi cosa sta succedendo loro mentre sono continuamente deviati dagli appagamenti (in questo caso gli alti di dopamina) fornite dal smartphone controllati dagli sperimentatori.

Dove sbaglia The Social Dilemma?

Il punto in cui il film fallisce è nella sua incapacità di spiegare accuratamente il motore che guida questo settore che sfrutta la psicologia applicata per sfruttare le debolezze e le vulnerabilità umane. 

Alcune volte si sofferma sul Prof Shoshana Zuboff, lo studioso che ha dato a questa attività un nome – “capitalismo di sorveglianza”, una forma mutante del nostro sistema economico che estrae l’esperienza umana al fine di produrre previsioni commerciabili su cosa faremo / leggeremo / acquisteremo / crederemo dopo. 

La maggior parte delle persone sembra aver capito la parte “sorveglianza” del termine, ma ha trascurato la seconda parola. Il che è un peccato perché il business dei social media non è realmente una versione mutante del capitalismo. 

È solo il capitalismo che fa il suo corso: trovare e sfruttare risorse da cui si può ricavare profitto. Dopo aver saccheggiato e spogliato il mondo naturale, ora si è rivolto all’estrazione e allo sfruttamento di ciò che è dentro le nostre teste. E il grande mistero è perché continuiamo a permettergli di farlo.

 

spezzone del documentario Netflix the social dilemma

La Peer Pressure

Il documentario, però, si conclude con una nota leggermente più ottimista, trasformandolo in “il nostro dilemma sociale” e incoraggiando gli spettatori a reclamare il proprio utilizzo della tecnologia, sottolineando che il vero cambiamento spesso è il risultato della cosiddetta “peer pressure” ovvero la pressione dei nostri pari. Ognuno di noi può fare la differenza e fare delle scelte, siamo decisamente ancora in tempo.

Forse questo documentario è l’inizio di un campanello d’allarme più ampio che guiderà verso un’innovazione più positiva?

Ma per ora, lascia che ti chiediamo rapidamente quante notifiche hai ricevuto sul tuo telefono mentre leggevi questo articolo? 

see ya!

Growth Marketer, Musicista, Nerd appassionato di Tech, Psicologia e Bassotti. 17 anni fa ho scoperto Internet e sto cercando ancora di riprendermi.

Nessun commento

Inserisci un commento

Show Buttons
Hide Buttons