Farmacia Internazionale
Farmacia Internazionale
Per la nostra farmacia abbiamo attivato una consulenza social media con il team di Socialmediamarketing.it e ci siamo trovati molto bene sia su Instagram che su Facebook. Dai piani editoriali alle campagne digital, la strategia attuata ha migliorato di molto i nuovi contatti e la relazione con i clienti.
Valeria Vano
Valeria Vano
Abbiamo lavorato con Socialmediamaketing.it e Jose sia per formazione interna che per realizzazione sito e gestione campagne. Grande competenza e qualità sia nei risultati che nei tempi di risposta.
carlo cianci
carlo cianci
Per il nostro studio di commercialisti abbiamo attivato una serie di campagne social per acquisizione contatti con ottimi risultati. Tutto il team è disponibile, gentile e preparato.
Pierluca Santoro
Pierluca Santoro
Socialmediamarketing.it gestisce da qualche tempo le mie campagne ed ho anche seguito alcuni corsi di formazione. Team sempre disponibile e molto simpatico.
Stefano Quaglietti
Stefano Quaglietti
Professionali e Puntuali
Gianluca Fazio
Gianluca Fazio
Collaboro con Jose da anni, una delle migliori agenzie Romane
Donatella Palermo
Donatella Palermo
Un corso strutturato sul social media marketing curato in maniera attenta e di facile comprensione, ricco di spunti per poter operare da subito con le proprie competenze di base ed avendo anche il sostegno di un team di esperti che guida passo passo l'imprenditore che vuole promuovere la propria attività in ambito turistico. Lo consiglio vivamente a chi come me, non ama perdere tempo e vuole raggiungere l'obiettivo prefissato con ottimi risultati.

Top
Lo staff di Tiktok può decidere quale contenuto deve diventare virale

Lo staff di TikTok può decidere quale contenuto deve diventare virale

Quali sono i contenuti virali su TikTok? Il social network in questione può promuovere manualmente determinati video per garantire un numero specifico di visualizzazioni ad alcuni contenuti.

I video For You dovrebbero essere in quella sezione per una questione di affinità con i tuoi gusti. Invece sono presenti perché TikTok vuole che un brand o creator ottenga più visualizzazioni. Queste sono le dichiarazioni raccolte da Forbes rispetto ai contenuti virali su TikTok e la natura di queste dinamiche.

Le dichiarazioni sono state raccolte da alcuni dipendenti della società ByteDance che hanno fornito informazioni, alla testata giornalistica, rispetto a un heating button. Ovvero un comando specifico per riscaldare, mettere in evidenza, un determinato contenuto con l’obiettivo di dare vantaggi specifici.

In cosa consiste l’aumento di visibilità?

L’attività investigativa di Forbes si è concentrata su un documento interno: il MINT Heating Playbook. Qui si sottolinea che la funzione di boost consente l’aumento della presenza di un determinato contenuto nel feed For You attraverso l’intervento umano per ottenere un certo numero di visualizzazioni.

TikTok avrebbe implementato costantemente questo sistema per attirare e confermare gli investimenti dei content creator. Un aumento sistematico del numero di visualizzazioni su determinati video è stato fondamentale per avere sempre il benestare dei grandi brand che hanno investito copiose somme su questo social. Obiettivo? Aiutare un determinato influencer o brand a raggiungere un pubblico più ampio.

Da leggere: quali sono le principali metriche di TikTok?

Qual è la percentuale dei video riscaldati?

Nel report confermato da Forbes, che prende i dati dal già citato Heating Playbook, abbiamo una buona percentuale di video influenzati da questa tendenza: circa l’1-2%, un parametro che può influenzare significativamente la qualità del contenuto presente nella sezione Per Te di questo social network.

Questo non dovrebbe essere un problema in termini assoluti ma c’è un dettaglio che rende tutto più complicato: questi contenuti virali su TikTok non vengono segnalati da etichette specifiche. Non sono identificati come post sponsorizzati o comunque presenti per via di una condizione specifica.

Come giustifica TikTok questa pratica?

Forbes ha chiamato in causa un portavoce, Jamie Favazza, che ha lasciato una dichiarazione che in qualche modo dovrebbe tranquillizzare il pubblico rispetto all’effettiva influenza di questa pratica:

“We promote some videos to help diversify the content experience and introduce celebrities and emerging creators to the TikTok community. Only a few people, based in the U.S., have the ability to approve content for promotion in the U.S., and that content makes up approximately .002% of videos in For You feeds”.

Quindi, cosa suggerisce Favazza? Su TikTok promuoviamo alcuni video per diversificare l’esperienza dei contenuti, per presentare personaggi e creator emergenti alla community di TikTok.

Chi può influenzare questi contenuti? Poche persone hanno la possibilità di decidere cosa promuovere, solo negli Stati Uniti. E rappresentano circa lo 0,002% dei video. Per il resto, continua Jamie, stiamo continuando a lavorare per offrire maggiore precisione e trasparenza alle raccomandazioni dei contenuti.

Ciao, sono un webwriter e un blogger freelance. Mi occupo di Social Media Marketing e di scrittura online, pubblico ogni giorno opinioni e consigli per aziende che vogliono migliorare la propria attività online.

Nessun commento

Inserisci un commento

Apri la chat
1
Salve. Scrivici se hai bisogno di un preventivo o di formazione e ti risponderemo a breve.
Non forniamo assistenza gratuita per problemi relativi ad hackeraggio social e simili.