Top
Come creare rubriche social per creare engagement

Come creare rubriche social per creare engagement

Sai qual è una delle difficoltà principali per gestire il calendario editoriale di Twitter, Facebook e Instagram (senza dimenticare LinkedIn)? Le idee utili. Sono le ispirazioni decisive a fare la differenza. Ti aiutano a raggiungere l’attenzione del pubblico e creare un engagement degno di nota. Ecco perché oggi è utile affrontare il tema delle idee strategiche per capire come creare rubriche social vincenti.

Vale a dire capaci di farsi ricordare dal pubblico. Ormai abbiamo capito che se vogliamo vendere sui social network, o fare lead generation o comunque raggiungere un qualsiasi risultato da monetizzare in tempi utili dobbiamo investire in pubblicità. In Facebook ADV, ad esempio, che dà grandi risultati.

Ovviamente se si lavora nel modo giusto. O magari puoi investire su Instagram o ancora in TikTok ADS, dipende dal target. Ma tutto questo non deve farti dimenticare che anche la reach organica può avere delle speranze se alimentata con le giuste rubriche social. Qualche idea utile per iniziare?

Report settimanale con i passaggi utili

Prova a immaginare: potrebbe essere interessante per il tuo lavoro avere un post su un social network con una sintesi delle novità più interessanti del settore? Io dico di sì, mi iscriverei subito per avere gli aggiornamenti. E guarda, puoi fare questo in mille modi possibili. Ad esempio?

Qualche idea? Crei un video IGTV o delle storie su Instagram, una nota su Facebook o un articolo su LinkedIn Pulse. In alternativa puoi puntare sui tweet e se clicchi sull’icona del fumetto puoi aggiungere altri messaggi. In modo da creare una catena di aggiornamenti che compongono un unico contenuto.

Visual quote per i post social e le storie

Per molti è un punto di partenza per avviare un engagement degno di nota. In realtà bisogna avere ispirazione, idee e buon gusto per non cadere nel già visto. Come creare rubriche social con le citazioni? Hai bisogno di una piattaforma come Wikiquote per avere la base di partenza e un programma.

come creare rubriche social
Ecco un’immagine modificata con Canva.

O meglio, puoi usare una delle tante applicazioni online per creare foto e immagini con scritte. La più famosa è Canva, basta iscriversi alla versione gratuita per avere tutto ciò che ti serve. Sia per creare immagini su Facebook, sia per aggiornare i vari Instagram e Pinterest. Vale per i post e per le storie.

Da leggere: le regole essenziali per creare video su YouTube

Infografiche con dati utili e sintetici

Sai qual è il vantaggio concreto per chi usa i social e si trova di fronte un’infografica creata da zero? Non devi per forza creare un capolavoro in grado di chiamare in causa competenze specifiche, anche se questa soluzione ti permetterebbe di sfruttare il lavoro anche per fare link earning con il blog.

Piuttosto individua il modo per generare un risparmio di tempo. Il concetto chiave da seguire in questa sede, però, è un altro: i dati sintetizzati dal tuo lavoro aiutano a ottenere delle informazioni che non si trovano altrove. Vuoi sapere come creare rubriche social? Ecco, crea qualcosa di utile.

Interviste doppie sulla pagina Facebook

Uno dei modi più interessanti per aiutare il tuo brand a emergere o a fare la differenza per il pubblico di riferimento: le interviste doppie. Il formato video è perfetto in questo momento storico dato che è un fatto noto: la penetrazione del mobile favorisce il content marketing dedicato a questo visual.

E poi la possibilità di creare interviste di qualità è una condizione win-win: chi viene chiamato in causa ottiene la visibilità della tua fan base, tu invece hai la possibilità di riempire un calendario editoriale con contenuti validi. Ovviamente quest’ultimo punto dipende dalle tue capacità organizzative.

Questo è il miglior software per fare live.

Scegli una buona piattaforma per avere la possibilità di gestire al meglio l’intervista doppia: la migliore dal mio punto di vista è StreamYard dato che la versione a pagamento è economica ma ricca di funzioni. E ricorda sempre di stilare una lista di punti, non improvvisare la tua intervista.

Video con elenchi di punti e consigli

Sempre per rimanere nell’ottica di una comunicazione semplice, pensata soprattutto per un buon uso dei social network da mobile: riassumi articoli e consigli utili in video che riuniscono punti differenti.

Con programmi come Lumen5 puoi creare clip partendo da spezzoni differenti, presenti nel database, ma anche da immagini e contenuti di proprietà. Su questi elementi puoi aggiungere testo e musica. Il risultato è interessante, comodo e facile da usare per creare rubriche social in grado di attirare l’attenzione.

GIF e meme per un momento ironico

Vero sei una realtà professionale, ami lavorare e presentarti nel miglior modo possibile anche sui social. Ma questo non vuol dire ignorare qualsiasi possibilità di creare momenti leggeri e divertenti sui social.

meme generator
Un ottimo meme generator.

Ad esempio puoi pubblicare delle GIF che crei personalmente o trovi nei tanti archivi. In alternativa puoi andare sui vari Meme Generator (tipo imgflip.com/memegenerator) che si trovano online per usare i database infiniti e ottenere delle grafiche pensate per descrivere una situazione che ti riguarda da vicino.

Da leggere: qual è il formato video ideale per Facebook?

Chiedi una consulenza strategica

Chiudiamo con un ultimo consiglio: se hai a cuore il tuo progetto aziendale o imprenditoriale e lo vuoi sviluppare al meglio sui social non puoi ignorare questo punto: hai bisogno di un contributo professionale.

Non di qualche idea improvvisata o di un supporto vago: c’è bisogno di una guida per decidere insieme – valutando target, key performance indicator e obiettivi da raggiungere – cosa pubblicare sui tuoi profili aziendali di Facebook, LinkedIn, Instagram e altro ancora. Allora, come procedere nel modo giusto?

Ciao, sono un webwriter e un blogger freelance. Mi occupo di Social Media Marketing e di scrittura online, pubblico ogni giorno opinioni e consigli per aziende che vogliono migliorare la propria attività online.

1 commento
  • Marina
    22 Dicembre 2020 at 07:27

    Gif e meme sono buoni, naturalmente, ma ci vuole moderazione in tutto. È come con gli effetti in Smartshow 3D – quando ce ne sono molti, è molto facile esagerare. Inoltre, non tutti gli spettatori possono gradire una battuta particolare. Bisogna fare attenzione.

Inserisci un commento

Show Buttons
Hide Buttons